In agosto tutti i nostri negozi compro oro sono regolarmente aperti.
I centri Orofacile

Come pulire l'argento usato

Come pulire l'argento usato velocemente per ripristinare l'originale brillantezza

Come pulire l'argento usato? Ci sono molti metodi che consentono di pulire l'argento usato donandogli l'aspetto originale.
L'argento infatti con il tempo tende ad annerirsi perdendo la brillantezza caratteristica dell'argento nuovo: questo difetto estetico può essere molto fastidioso nel caso di gioielli in argento da indossare ma anche quando si verifica nei manufatti in argento come posate d'argento, cornici d'argento o vassoi d'argento.

Tuttavia esistono alcuni semplici metodi per riportare l'argento alle condizioni originarie in modo semplice e veloce: ora ti indicheremo come si pulisce l'argento senza sforzi.

Conoscere l'argento per capire come pulire l'argento

L'argento è un metallo prezioso ricercato soprattutto per la sua lucentezza tanto che sin dall'antichità è sempre stato associato alla Luna.
Tuttavia con il tempo e l'utilizzo la sua superficie è soggetta a macchie, graffi ma soprattutto ad un fenomeno particolarmente dannoso per la sua lucentezza naturale: l'ossidazione.

L'ossidazione è un fenomeno fisico che comporta l'annerimento superficiale dell'argento: si tratta di un effetto complesso che può essere originato di diverse variabili.
Tra le prime cause dell'ossidazione dell'argento vie sono l'esposizione diretta ad agenti chimici, come per esempio profumi e deodoranti, ai raggi solari e alle alte temperature.

Anche la sudorazione, nel caso dei gioielli in argento a contatto con l'epidermide, può essere responsabile dell'ossidazione dell'argento in quanto il suo ph acido innesca reazioni che portano all'annerimento dell'argento.
Tra gli altri elementi che possono condizionare o accelerare l'ossidazione dell'argento ci sono l'acqua salata del mare o l'aria salmastra: quando sei al mare, ricordati di non fare il bagno con i tuoi gioielli in argento.
Sembra incredibile ma anche gli elastici di gomma e alcune tipologie di carta che hanno un elevato contenuto di zolfo possono intaccare la superficie dell'argento pertanto ti consigliamo di prestare attenzione al contatto degli oggetti in argento e questi materiali.

Occorre inoltre considerare la composizione dei gioielli in argento: qualora infatti l'oggetto prezioso sia formato da una lega metallica in argento e questa contenga del rame, è probabile che l'oggetto tenda a scurirsi in quanto il rame favorisce l'ossidazione dell'argento.
Infine è sempre una buona idea evitare di conservare manufatti in argento a stretto contatto con altri oggetti preziosi dello stesso materiale o formati da altri metalli preziosi perché la superficie in argento è facilmente scalfibile.

Pulire argento è un'attività da fare spesso

Pulire l'argento è un'operazione facile e veloce se sai come fare: curare i propri oggetti in argento è sempre una buona idea.
Ogni manufatto in argento può essere pulito con metodi casalinghi oppure con metodi professionali acquistabili in commercio in negozi specializzati oppure anche online.
I metodi casalinghi consistono in alcune soluzioni detergenti preparate con ingredienti naturali facilmente reperibili in casa.
Sapere come pulire l'argento usato e annerito è un'informazione che può aiutarti a riportare agli antichi splendori le tue posate d'argento 925.

Come pulire argento: i principali metodi casalinghi

Se cerchi i metodi su come pulire l'argento ce ne sono diversi molto efficaci e considerati in qualche modo casalinghi: non sono particolarmente difficili da mettere in pratica a patto di procurarsi i materiali necessari che sono solitamente ecologici, di facile reperibilità e spesso già presenti in casa.
Fra i metodi più diffusi per pulire a fondo l'argento ve ne sono alcuni che ti vogliamo suggerire di seguito.

Il primo metodo consiste nell'utilizzare una soluzione composta da bicarbonato di sodio, sale da cucina e acqua in determinate proporzioni oppure una soluzione di bicarbonato di sodio e aceto oppure ancora una pasta realizzata con bicarbonato di sodio e acqua in parti tali da garantire una discreta densità.

Un altro metodo naturale in voga per togliere il nero dall'argento è l'uso del dentifricio a pasta bianca: vanno evitati dentifrici colorati.

Puoi inoltre ricorrere all'alluminio, come per esempio la carta di alluminio che usi in cucina, unito al sale: il composto è utile a rimuovere la patina nera dell'argento.

Infine un altro metodo naturale particolarmente apprezzato che potrebbe fare al caso tuo è l'uso della cenere.

Come si pulisce l'argento con il bicarbonato

Il primo metodo che ti vogliamo suggerire per pulire argentoè il classico rimedio della nonna all'argento annerito: si tratta di impiegare il bicarbonato di sodio come ingrediente fondamentale di una soluzione naturale ed ecologica.

Il bicarbonato di sodio è un prodotto che si trova comunemente al supermercato e che ti permette di creare una soluzione ideale per eliminare polvere, sporco e rimuovere l'ossidazione dall'argento ridando la lucentezza originale ai tuoi oggetti preziosi in argento.

Procurati un recipiente e riempilo con acqua calda, non bollente, aggiungendo un cucchiaio da cucina di bicarbonato di sodio e un cucchiaio da cucina di sale grosso per ogni litro di acqua contenuta nel contenitore che stai utilizzando.
Provvedi quindi ad immergere i tuoi oggetti in argento lasciandoli a bagno per circa un'ora: al termine dell'immersione, provvedi a risciacquare i tuoi oggetti sotto l'acqua tiepida e asciugali con un panno di un tessuto morbido come il cotone.

Un'altra formulazione a base di bicarbonato è quella che prevede anche l'impiego, al posto del sale grosso, dell'aceto in virtù delle sue capacità antiossidanti e sgrassanti: è sufficiente riempire un contenitore con acqua tiepida, aggiungendo un cucchiaio da cucina di bicarbonato di sodio e un cucchiaio da cucina di aceto bianco lasciando gli oggetti immersi per circa un'ora.

L'uso di una di queste soluzioni a base di bicarbonato di sodio è particolarmente indicato per oggetti in argento semplici che non hanno intarsi o decorazioni particolarmente elaborate: in caso contrario, la soluzione da utilizzare è un po' diversa.
Dovresti infatti mescolare acqua e bicarbonato di sodio per formare una pasta: la proporzione ideale è di 3 cucchiaini di bicarbonato ogni cucchiaino d'acqua.
In questo modo otterrai un composto piuttosto denso da applicare sull'oggetto in argento da pulire e da frizionare con il solito panno morbido in cotone avendo cura di insistere nella pulizia dove compaiono le decorazioni: segue il solito risciacquo abbondante con acqua tiepida.

In ogni caso può essere una buona idea anticipare la pulizia tramite bicarbonato di sodio con una preventiva spolverata tramite un panno morbido imbevuto di olio naturale come quelli che si usano per i capelli o per la pelle del viso.

Come si pulisce l'argento con il dentifricio

Pulire l argento con il dentifricio rappresenta una soluzione abbastanza comune perché il dentifricio è un prodotto per l'igiene personale presente in ogni casa che ha il particolare vantaggio di essere a basso costo.
Si può quindi utilizzarlo con successo in funzione della sua azione micro abrasiva che risulta utile per la pulizia argento ma nel contempo anche sufficientemente delicata: è importante però che la scelta del dentifricio sia effettuata in modo intelligente.
Vanno evitati i dentifrici che contengono coloranti perché le sostanze chimiche contenute in questi particolari tipologie di dentifrici non sono tendenzialmente adatte per rimuovere l'ossidazione dall'argento.

Una volta steso con il dito un leggero strato di dentifricio sul manufatto in argento o sul gioiello in argento, occorre strofinare l'impasto finché il dentifricio non virerà di colore e passerà dal bianco al grigio: durante l'operazione è consigliabile indossare un guanto in tessuto morbido o, ancora meglio, impiegare una spazzola a setole morbide.
Effettuata l'operazione di pulizia dell'argento, puoi passare al risciacquo con abbondante acqua tiepida, non bollente, e procedere all'asciugatura.

Come si pulisce l'argento con l'alluminio e il sale

L'uso dell'alluminio e del sale è una soluzione altrettanto genuina e semplice da preparare: si basa sulle particolari proprietà dell'alluminio e del cloruro di sodio.
Puoi provvedere ad utilizzare un contenitore in alluminio, come quelli che normalmente si impiegano per cuocere gli alimenti, oppure è possibile foderare una bacinella di qualsiasi altro materiale con la carta d'alluminio che si usa per incartare gli alimenti.
Occorre quindi versare dell'acqua tiepida all'interno del recipiente e aggiungere un cucchiaio di sale grosso: a questo punto è possibile immergere gli oggetti in argento da pulire lasciandoli immersi per un paio d'ore.
Dopodiché è sufficiente rimuovere l'acqua e risciacquare abbondantemente i manufatti in argento sotto l'acqua tiepida e provvedere all'asciugatura.

Come si pulisce l'argento con la cenere

Sembra incredibile ma se stai cercando come lucidare l'argento dovresti considerare anche la cenere sia che provenga da una sigaretta sia quella ottenuta dalla legna bruciata nel camino o nella stufa.
Si tratta di un altro rimedio tipico della nonna su come lucidare l'argento: occorre prendere la cenere e passarla al setaccio così da rimuovere eventuali impurità come detriti o legno non del tutto combusto, questa parte può essere evitata se la cenere proviene dalla sigaretta.
Successivamente vanno aggiunte piccole quantità d'acqua che consentano di formare un impasto omogeneo da utilizzare per ricoprire gli oggetti in argento da pulire: a questo punto puoi strofinare il composto a base di cenere con un panno morbido in cotone oppure con del cotone idrofilo.
Può essere una buona idea aggiungere anche qualche goccia di limone che, grazie alle sue proprietà, può aumentare il potere lucidante della cenere: lucidare argento con questo preparato naturale sarà uno scherzo.
Come al solito, alla fine della pulizia occorre risciacquare con abbondante acqua tiepida.

Metodi commerciali per pulire l'argento

Ai metodi casalinghi per pulire l'argento si associano i metodi commerciali che si basano sull'acquisto di prodotti professionali per la pulizia dell'argento disponibili sul mercato: si tratta di soluzioni sicuramente efficaci ma che solitamente sono poco rispettose dell'ambiente a causa della loro composizione che include diverse sostanze chimiche.
Se stai cercando come lucidare l'argento con prodotti commerciali, di seguito ti indichiamo i principali.
Una scelta sicuramente comoda ed efficace è rappresentata dai panni per la pulizia dell'argento: disponibili singoli o doppi, i panni sono indicati per rimuovere la polvere e le impurità ma anche eliminare l'ossidazione dell'argento aiutando a prevenirne la ricomparsa.
I panni per pulire l'argento sono la risposta ideale a come lucidare argento e soprattutto risultano particolarmente appropriati per lucidare i gioielli in argento, anche quelli che hanno pietre preziose incastonate particolarmente delicate.

Simili ai panni esistono sul mercato anche delle speciali salviette usa e getta: risultano un po' meno efficaci dei panni ma si prestano ad eliminare lo sporco e ridonare brillantezza ai manufatti in argento.
Grazie alle loro dimensioni facilmente trasportabili sono molto indicate in viaggio per ridare lucentezza agli anelli in argento ossidati.

Ai panni e alle salviette si aggiungono anche i guanti per pulire l'argento che forse sono lo strumento più comodo in quanto devono essere indossati e quindi permettono di manipolare con naturalezza gli oggetti in argento ossidati da pulire.

Esistono poi i prodotti liquidi e in pasta che consentono un'approfondita pulizia: sono prodotti specifici caratterizzati da formulazioni chimiche particolarmente delicate sugli oggetti in argento che devono essere puliti o lucidati.
Per questo motivo la pulizia e la rimozione dei segni di ossidazione dell'argento sono assicurate ma non viene intaccata in alcun modo la bellezza del manufatto in argento che anzi viene esaltata ripristinando l'originale lucentezza.
Non c'è pericolo che queste sostanze lascino residui sugli oggetti in argento da pulire ma, in ogni caso, si può procedere al risciacquo tramite acqua tiepida: durante l'uso è comunque sempre consigliabile l'utilizzo di guanti per evitare che sulla pelle rimangano cattivi odori.

Una delle particolarità di questi prodotti è la capacità di lasciare sugli oggetti un impercettibile film di protezione che protegge l'argento dall'ossidazione.

Tra i metodi più indicati su come pulire l'argento ci sono poi i prodotti ad immersione che consistono in speciali barattoli dove non si deve fare altro che inserire l'oggetto in argento da pulire: sono molto efficaci ma sono adatti solo se si devono pulire pochi oggetti in argento di piccole dimensioni come anelli e bracciali in argento.
Tuttavia va considerato che eventuali pietre preziose, perle o altri metalli potrebbero subire qualche alterazione quindi si tratta di prodotti adatti solo ad oggetti interamente in argento che si ossidano: quindi se l'argento 925 diventa nero allora i prodotti ad immersione potrebbero essere una buona soluzione per come lucidare l argento.

L'ultima possibilità commerciale degna di nota per pulire l'argento ossidato è rappresentata dalle vasche ad ultrasuoni per pulire l'argento: si tratta di particolari contenitori che emettono al loro interno degli ultrasuoni in grado di raggiungere anche gli spazi più piccoli delle decorazioni che non sarebbe pulibili con i metodi tradizionali.
Le vasche ad ultrasuoni, disponibili in varie misure e potenze, sono prodotti professionali e anche abbastanza costosi ma sicuramente efficaci per chi desidera una pulizia approfondita.

Vendi a OROFACILE i gioielli in argento ossidato

Se hai dei gioielli in argento che risultano ossidati e che non vuoi pulire, dovresti comunque considerare che abbiano un valore economico.
Se non vuoi lucidarli è possibile che non siano più di tuo interesse: perché quindi non venderli a OROFACILE e ricavare così del denaro contante?

Puoi recarti in un negozio compro oro di OROFACILE per ricevere una perizia gratuita sul loro valore e ipotizzare di venderli al miglior prezzo.
Se sei in cerca di una quotazione alle massime valutazioni sul mercato, i negozi a marchio OROFACILE fanno al caso tuo e ti garantiscono una veloce monetizzazione del tuo argento ossidato.
Dubbi o domande sul servizio compro oro?
Contattaci
WatsApp